Seguimi, lettore!
sia recisa la lingua infame al mentitore che ha negato l'esistenza
di un amore autentico, fedele sulla terra!


Segui me , mio lettore, soltanto me, e ti mostrerò un simile amore


. . .


domenica 14 agosto 2016

Morto a galla

Non so se vi siete mai soffermati a riflettere su questa importante posizione di galleggiamento e sul significato che essa assume se la immaginiamo come metafora d'amore.
Io sì.

L'estate al mare passerei intere ore in questa posizione, riesco ad essere perfettamente rilassata, senza muscoli in tensione, come se fossi sdraiata supina sulla superficie dell'acqua, con gli occhi chiusi, il corpo e la mente abbandonati tra le onde, immobile con le membra completamente sostenute dal mare.

La posizione del morto a galla non è per tutti, bisogna saper lasciarsi andare completamente, bisogna non avere paura, è necessario possedere una buona dose di water confidence per gli irriducibili degli inglesismi o di acquaticità per noialtri raffinati conoscitori del vocabolario italiano.

Il timore di affondare o anche un velo di paura per gli spruzzi sul viso, di fastidio nel sentire l'acqua che entra nelle orecchie o ancora la mania tutta femminile del "non mi devo bagnare i capelli", queste ed altre inutili ansie compromettono irrimediabilmente la riuscita del galleggiamento.

Il nodo cruciale della tecnica è qui: anche se è sufficiente essere capaci di rilassarsi completamente senza muovere un muscolo, per stare a galla è necessario saper nuotare, non avere paura dell'acqua e abbandonarvisi completamente.
Il solo pensiero della paura ci trascina giù al fondo con lui.



L'amore e il mare hanno molte cose in comune









Non esiste metafora migliore per descrivere il mio rapporto con l'amore e con chi mi fa innamorare.


6 commenti:

  1. Risposte
    1. ^__^ mi limito a riportare le sensazioni che ho

      Elimina
  2. Capisco che si tratti d'una metafora , efficace e suggestiva .... mi dispiace - peró - che si ricorra ad un'immagine raccapricciante come quella d'un cadavere che non affonda :-( : l'Amore é Vita , non lo si prova passivamente lasciandosi cullare dalle onde , ma lo si gestisce da protagonisti ! Noi siamo il Mare , non " morti a galla " hehehe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho uno spiccatissimo senso del macabro, tuttavia almeno questa volta non volevo fare richiami lugubri.

      Capisco perfettamente il tuo punto di vista e se fossi in un periodo diverso forse non avrei scritto questo.
      Ma dopo tanto agire ho voglia di sentirmi leggera :)

      Elimina
  3. Ma ceeerto , fai bene a galleggiare nel mare blu , é una sensazione impagabile <3

    RispondiElimina