Seguimi, lettore!
sia recisa la lingua infame al mentitore che ha negato l'esistenza
di un amore autentico, fedele sulla terra!


Segui me , mio lettore, soltanto me, e ti mostrerò un simile amore


. . .


sabato 1 dicembre 2018

4 Negroni


Questa non è la storia di una sbonza


Da settembre la GTT ha incrementato il numero di controllori sui bus cittadini. 
La linea che passa sotto casa mia non è tra le più controllate e talvolta potrebbe essere capitato che accidentalmente e non del tutto volontariamente sia salita su un mezzo senza il biglietto.

Qualche tempo fa, durante una serata di lupi con pioggia e vento, mi trovavo su uno dei suddetti mezzi -casualmente e non volontariamente- sfornita di ticket. Mi metto nel corridoio in fondo vicino al motore perché lì c'è caldo.
Un paio di fermate dopo la mia, salgono sul bus 4 ragazzoni neri, ma neri-neri e ben piantati.
Con quell'aria da immigrati che fa spostare la gente a cui si avvicinano. 
Questi si siedono nei 4 posti vicino a me e io resto esattamente dove sono perché freddo batte paura dell'immigrato e perché questi -in quel contesto- non mi sembravano tipi di cui preoccuparsi.

Tra gli scrosci di pioggia e le folate di vento arriviamo, più o meno a metà tragitto senza intoppi, quand'ecco che ad una fermata, il bus intercetta due controllori bagnati e infreddoliti che aspettavano un altro mezzo... Ma vuoi tu bravo collega lasciarli lì a prendersi un po' d'acqua allo stravento?
OVVIAMENTE NO
e il nostro simpatico autista strombazza col clacson e li invita a venire su.
entrano dalla porta anteriore incerti sul da farsi.

In un attimo si scatena il panico!
Un brusio di diffonde, il movimento delle teste che si sporgono si propaga, gente tranquillamente seduta si catapulta fuori dall'autobus, un ragazzo infila la mano in tasca per prendere un biglietto e obliterarlo con un gesto talmente ampio e rapido da sembrare mio nonno buttare l'asso di mazze durante una patita di briscola..
Quando mi rendo conto di ciò che sta accadendo mi volto per scendere, ma mannaggia-ai-diavoli le porte si chiudono davanti la mia faccia e penso: sono fregata

In quel momento, esattamente in quel momento, il mio sguardo incontra quello del controllore e , nonostante si trovi dall'altra parte del bus, lui capisce, lui sa... lui conosce l'espressione che si è disegnata sul mio volto. 
ora sono davvero fregata.

Il suo collega comincia a controllare chi occupa i posti avanti e lui invece incede con passo sicuro verso la coda del mezzo, rivolto verso di me, non posso più scappare!
I ragazzi al mio fianco si agitano ma uno di loro li calma e osserva la situazione con fare disinvolto, ha notato lo scambio di sguardi tra me e il controllore.

Anche lui sa che quella fottuta sono io.

quand'ecco che giunto a metà strada, il Controllore improvvisamente si accorge di quei 4 grossi, neri, bravi ragazzi, un po' più agitati di me ed improvvisamente si blocca!
Talmente tanto preso dalla sicurezza di avermi inchiodata non aveva notato chi era seduto al mio fianco. In quel momento un pensiero gli trapassa la mente, ma il nostro intenso scambio di sguardi mi permette di leggerlo: 
Se controllasse me e -malauguratamente- avessi il biglietto, poi dovrebbe controllare loro.. che sono in 4 e sono grossi e sono neri e probabilmente non hanno il biglietto e sicuramente non vogliono farsi multare..


Fuori il biglietto!


«Biglietto!» Il controllore si gira a fianco del tizio che aveva appena obliterato in modo teatrale e «no! non va bene! ha obliterato adesso ma non è salito a questa fermata!» .. e vai di discussione..

Inutile dire che alla fermata successiva io e i 4 negroni siamo scappati.
tutti e 5 rei consapevoli, chi di essere stata scoperta e chi di aver salvato la complice improvvisata.

8 commenti:

  1. Mi fa sorridere questo tuo racconto perché sembra sempre che solo gli immigrati non salgano sull'autobus e che automaticamente mettano le mani sul controllore.
    Invece erano agitati, come te.
    Comunque anche io qualche volta sono salito sull'autobus a Bologna e volontariamente non ho timbrato il biglietto :D.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà se a torino salissero sui mezzi solo le persone che hanno l'abbonamento e/o il biglietto i mezzi sarebbero mezzi vuoti o del ttto vuoti.
      Io sono abbastanza truffaldina ma non confesserò nulla :)

      Anche se devo dire che ultimamente preferisco di gran lunga andare a piedi XD

      Elimina
  2. Ahahaha mitica!
    Una volta io davvero dimenticai di obliterare un biglietto (che avevo!!) e mi fecero la multa, un po' ingiustamente perché ho sempre preso e tuttora pago le corse (il biglietto, difatti, lo avevo con me, seppur non vidimato).
    W i negroni salvatori^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sono altrettanto ligia alle regole civiche.. e forse me la sarei meritata quella multa, ma la paura dei negroni batte la voglia di fare le multe :D

      Mi è andata di culo.

      Capisco però che dal tuo punto di vista sia abbastanza fastidioso perché essere beccati l'unica volta che non si fa il biglietto a maggior ragione se è per una svista e senza malizia è decisamente fastidioso!

      Elimina
  3. Io non sono una tipa ansiosa però le volte in cui sono salita sui bus senza biglietto all'Università mi sono fatta tutto il tragitto con la sfiuffia xD
    Però non sono mai stata beccata (c'è da dire che è capitato pochissime volte, anche perché rare sono state le volte in cui ho preso i mezzi pubblici là). Comunque un po' se lo meritano perché non so tu, ma io dovevo pagare €1.2 per fare un pezzo di strada ridicolo ed oltretutto i mezzi erano tutti sgamberati (volevo scrivere sgangherati, non so perché mi sia uscita sta parola ma la lascio perché mi sta facendo ridere più de dovuto), puzzolenti ed in ritardo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui costano 1.70, di solito vado a piedi, anche perché mi piace camminare e non mi crea problemi.
      La puntualità dei mezzi è opinabile (come sempre) per non parlare di questo che la sera accumula ritardi assurdi. saltano le corse e poi ti ritrovi due bus uno di fila all'altro. (di cui uno vuoto)
      L'importante è non essersi fatti azziccare.

      Sgamberati è una parola stupenda, XD fa ridere anche me!

      Elimina
  4. Qui da noi, in Olanda, hanno risolto il problema: i controllori sono spesso 4 negroni :D

    Gio, che ha sempre la sua OV-chipcard :D

    Ciao bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco che gli olandesi sono gente pratica che io stimo e ammiro sempre di più!

      Ti mando un mega bacio :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...