Seguimi, lettore!
sia recisa la lingua infame al mentitore che ha negato l'esistenza
di un amore autentico, fedele sulla terra!


Segui me , mio lettore, soltanto me, e ti mostrerò un simile amore


. . .


sabato 17 giugno 2017

Quando parte lo svarione molesto..


..Non lo ferma più nessuno.

Prendo quello che viene com'è senza troppe elucubrazioni, perché sono inutili, MA pensavo che..



La Follia - Vivaldi

Il brano non tratta della pazzia in senso clinico, la Follia è un tema melodico che si ripete dall'inizio del brano, per tutta la sua esecuzione in un crescendo armonico, su cui improvvisa l'esecutore.

A parte i virtuosismi dei violinisti che producono questo brano di insolita vivacità
A parte i virtuosismi della vita, che compiamo tutti saltando con sublime maestria da un errore clamoroso al successivo.

..pensavo che:



Crediamo che tutto cominci essendo sputati dal ventre caldo e accogliente, nel disordine, nello sporco e nel sangue, tra gli spasmi violenti. Strappati da tutto ciò che ci proteggeva e ci nutriva, ciechi, urlanti; per la prima volta percepiamo il freddo, l'abbandono, la precarietà e l'essere nel vuoto, soli, il rumore ovunque.. Percepisci lo spazio, dove non c'è più niente a sostenerti, se non mani, che ti toccano e ti manipolano, fanno male stringono troppo.
Respiri per la prima volta e ti rendi conto che quello che prima era vitale improvvisamente ti soffoca.
Nudo, vulnerabile ed esposto.

Immaginate se un neonato potesse parlare e sapesse descrivere ciò che prova.
Quanto è difficile immaginare che tutto ciò che oggi è normale, è stato alieno e pericoloso allora.

è doloroso nascere e da grandi continuiamo a portarci dietro l'idea che dal dolore venga fuori qualcosa di nuovo, una nuova vita.. possibilità.. e tutto deve passare per il travaglio, ecco se non c'è qualcosa di sofferto allora è troppo facile, non vale abbastanza,

Cazzate

Tutto comincia nel silenzio.
Nell'ignoranza e nella meccanicità, nell'incoscienza.
Un uovo fecondato comincia a divenire senza neanche manifestare la vita in sé stesso.
ci sei prima ancora di esserne cosciente, così come in un pugno di cellule c'era il tuo viso e il viso che avrai da vecchio. La forma del tuo sorriso e il sapore delle tue lacrime c'erano.
Come un seme di cui ignori l'esistenza, sotto terra, nascosto, in silenzio. esso è tutto ciò che dovrà essere prima ancora che si veda il germoglio spuntare.
Perfino le Stelle esplodono nel silenzio e ..

.. e mentre ragionavo su ciò che è e che non vedi, su ciò che è prima ancora che sia, sul niente e sulle stelle, il pensiero è rotolato sulla loro astronomica distanza e mi sono resa conto di una cosa.. che è stata una rivelazione:



Cchiù longa è a pinsata, 
cchiù grossa è a minchiata
.
più a lungo ci pensi, più grossa è la minchiata che farai
e manco a farlo apposta racchiude il pensiero del filosofo Ockham.

risata malefica
"Sad but true story"
adoro autocitarmi.



Le mie sensibilità si sono messe all'opera -sempre fuoritempo e non richieste- e la percezione che ho è buona, il futuro è, oserei dire, brillante; grandioso e grande come la palmata che uno si dà sulla fronte quando dice: miiiiiiii! ho fatto una minchiata!!!


La saggezza popolare ha parlato, la voce fuoricampo che vive nella mia testa si è espressa, la coscienza suggerisce un inutile "te l'avevo detto", qualcosa ripropone sempre la stessa idea fissa e come dice la mia citazione preferita:

"Nel tempo.."




riassumendo:
1 le cose cambiano da sole, ma qualcuno si mette d'impegno per farle cambiare prima e in piena perdita di controllo,
2 almeno stavolta posso dire di non aver rovinato(?) io stessa qualcosa, che per quanto "difficilmente comprensibile e malamente applicabile alla realtà" aveva un suo senso, una sua realtà e per questo una sua bellezza intrinseca, cosa che a questo mondo hanno ben poche cose.
3 le  mie farneticazioni sono comprovate dalla teoria del Big Bang:

=>  tutto è cominciato quando non c'era niente di ciò di cui adesso hai percezione, così come vedi ancora la luce di una stella già morta, il cambiamento ha preceduto l'esigenza del metterlo in pratica.







5 commenti:

  1. io nel disordine mi sento inserita, approvata ed accolta
    in un qualche modo, che nemmeno io so quale sia, c'è un senso in esso
    lo conosco e lo frequento, ma solo grazie a te l'ho ricordato.
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego..
      :) io vivo nella bolgia (emotiva) interna, e quando qualcuno sfoga le sue idee sul momento mal tollero e non apprezzo, perché è destabilizzante, ma dopo un po' la capisco e poi è passata :)

      Elimina
  2. A n'ziittasti..chiummu !
    Chiddiciiii..ummiriri niente.
    Morris

    RispondiElimina