Seguimi, lettore!
sia recisa la lingua infame al mentitore che ha negato l'esistenza
di un amore autentico, fedele sulla terra!


Segui me , mio lettore, soltanto me, e ti mostrerò un simile amore


. . .


giovedì 8 settembre 2016

Ospiti a cena

Barbara

 food blogger & life stylist


È importante avere una dieta sana equilibrata; un paio di giorni all'anno riesco anche a metterla in pratica, così, anche se oramai i miei pasti non li cucina più mia mamma, mi ritrovo a mettere sul fuoco una pentola piena di lenticchie, economiche, buone e salutari lenticchie..
Io le faccio bollite: acqua, lenticchie, sale a fine cottura, olio a crudo.
Se proprio voglio esagerare ci metto dentro una carota o una patata o una carota e pure una patata.
ne faccio una buona quantità abbondante ogni volta così quelle in eccesso le porziono e le conservo in freezer. Meglio dei 4 salti in padella.

Questa sera a cena prendo uno dei tupperware di scorta, senza neanche aspettare che si scongeli lo butto in pentola et voilà la cena è pronta.

E l'ospite?

L'ospite c'era ed era nel piatto fin dall'inizio e me ne sono accorta a metà pasto. 

Un simpatico anobio, residuo di una precedente infestazione della dispensa di casa suppongo, era bollito, morto stecchito.
Potrei averne mangiati altri prima di accorgermene, c'è chi mangia gli insetti abitualmente e suggerisce di provarli, dicono che gli insetti saranno il cibo del futuro per noi tutti. 

Ecco, io ancora non mi sento pronta per un pasto così innovativo ma non mi sono scomposta: l'ho tolto e  ho continuato la cena senza più guardare il piatto.

Come si suole dire in questi casi: occhio che non vede, cuore che non duole.

Nessun commento:

Posta un commento