Seguimi, lettore!
sia recisa la lingua infame al mentitore che ha negato l'esistenza
di un amore autentico, fedele sulla terra!


Segui me , mio lettore, soltanto me, e ti mostrerò un simile amore


. . .


lunedì 7 dicembre 2015

Vuoto a perdere

//rileggendo mi sembra d'obbligo una nota: questo post è ad elevato contenuto di incazzatura perché scritto sull'onda dell'emozione, di solito non me la prendo così a male.

con il mio amico Guglielmo inauguro l'etichetta
PIDiM
acronimo di:
Persone Intimamente Di Merda

"Con la speranza che lo legga e che si riconosca."


fanculo


questa sono io:
 ieri sera
oggi
e pure domani

Le persone sono quello che hanno dentro, nel suo caso

Vuoto a perdere




Oggi non pensavo di scrivere questo post.
Pensavo che avrei trascorso il ponte in modo frivolo e molto piacevole.
Non è così perché quando facciamo dei piani insieme a delle altre persone, in questo caso insieme ad un presunto uomo, dobbiamo tenere in conto il suo essere una in preda ad attacchi isterici, roba del tipo:

"Ho una donna quindi non avrò più amanti
ok, scherzavo mi sento ancora giovane e aitante voglio avere di nuovo un amante, TE
vieni a trovarmi domani
no non venire, ci ho ripensato non so cosa voglio
anzi so cosa voglio ed è qualcosa di più del sesso -ed io per lui sono solo sesso-
ma il sesso con te è fantastico
tu sei fantastica
quindi non la prendere come una cosa contro di te" 

no certo, la prenderò come una cosa contro ignoti.


te ne puoi andare cortesemente affanculo, 
da quella parte, grazie!





Questo esemplare di omuncolo, che giocherella con me come un idiota, è il tipo di persona infelice per la propria vita incompleta, bianca, insensata come un foglio di carta da lettere ingiallito dal tempo ma non ancora scritto, conservato per quando si avrà una bella vita, piena e soddisfacente da imprimervi sopra.
Che cosa abbia fatto negli ultimi 20 anni non è dato saperlo.

COMA CELEBRALE.
un vegetale emotivo.

Peccato che la vita è quella cosa che si svolge mentre si perde tempo a compiangersi del proprio caos interiore -come se il caos fosse una sua prerogativa-. 
Sarò anche "solo sesso" per lui, io farò anche solo del sesso ma questo non autorizza NESSUNO a trattarmi come una cosa, un oggetto dei propri capricci o un passatempo per riempire le giornate vuote e solitarie.
Non sono una vagina con attaccato un corpo e una mente insensibile a tutto.






Mentre ieri sera tramavo atroci vendette a discapito di questo invertebrato mi sono addormentata -ho dormito di merda- e risvegliandomi questa mattina ho realizzato due cose.

1
Sono stata colpita nell'intimo e, per quanto mi sia intollerabile questa idea, è successo perché io ho consentito ad una persona -molto squallida- di avvicinarsi a me. Colpa mia e della mia ingenuità che mi spinge a considerare il prossimo come un mio pari dotato di sensibilità e intelletto.

Ma dopo aver provato un infinito senso di solitudine e abbandono mi sono quietata, mi sento delusa, ferita e usata ingiustamente per dei capricci.
Penso che sia molto ingiusto nei miei confronti.

I sentimenti che provo sono scatenati da questo evento, 
ma decisamente non sono causati dal ragazzino in questione. 
C'è tanto altro dietro,
c'è il mio caos dentro.



2
Il senso di completezza e di pienezza che tanto andiamo cercando attorno a noi afferrandoci a questo a quello mentre continuiamo a cadere in realtà dipende da noi stessi.
La Felicità non è merito di chi ci sta intorno. La felicità è cosa nostra, ci appartiene.
L'infelicità è spessissimo una condizione autoprodotta, alcune persone vogliono riempire i propri vuoti usando e giocando con chi gli dimostra vicinanza o, peggio ancora, Amore.
Suscitano compassione.
Ma li considero comunque poveri coglionazzi.
E tornando alla vendetta, non c'è vendetta che possa competere contro il senso di vuoto interiore e la consapevolezza della propria condizione, allora mi consolo di vederlo cuocere nel suo brodo.

Penso che non lo vedrò né sentirò mai, mai più.





E io oggi ripenso a questo magnifico pezzo dei Rammstein:

tu mi hai
tu mi odi


2 commenti:

  1. Brava. Approvo la scelta di quella parola, 'coglionazzo'. Un fortuito mix tra 'coglione' e 'testa di cazzo' concessa dalla desinenza 'azzo'. Un giorno studi etimologici dimostreranno che forse è proprio questo il senso profondo di tale desinenza.

    Ciao, Straniera.

    Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rispondo con un tempismo tutto mio, e di questo me ne scuso.
      Sono certa che l'etimologia sia perfettamente azzeccata, credo di avere fatto la stessa condensazione di significati inconsciamente e poi anche del tutto volontariamente.

      Grazie Giò di aver speso tempo nel leggere i miei sproloqui avvelenati :D

      Elimina