Seguimi, lettore!
sia recisa la lingua infame al mentitore che ha negato l'esistenza
di un amore autentico, fedele sulla terra!


Segui me , mio lettore, soltanto me, e ti mostrerò un simile amore


. . .


giovedì 3 novembre 2016

Conti alla mano

Io ho perso un sacco di tempo dietro un sacco di gente che se ne fregava, se ne frega di me.
Nel mentre ho vissuto la mia via, non senza qualche intoppo, ma dal punto di vista emotivo ho perso tempo.

Ho perso amore.

Mi sono lasciata undici mesi fa ma conti alla mano sono sola da tanto.
Perché essere soli ed essere single è diverso.


Come me: un po'  schizzatella


A volte sono così: un'unicorna intraprendente e felice.
A volte no, e mi sento triste.

Ho avuto una storia a distanza per 6 anni, e mi sembra di avere perso tanto.
Lo so che ho vissuto tante esperienze e che il tempo non è perso, ho imparato molte cose e devo molto anche alla persona con cui sono stata -e gli voglio un gran bene- ma questo non cambia il mio sentire più profondo.


l'esperienza mi insegna che
non è l'altro a farci a pezzi


Sono insoddisfatta.
Mi sembra di aver dato più di ciò che ho ricevuto e non solo dal punto di vista amoroso, ma anche umano.

Per 6 anni sono stata una single non single, perché mi prendevo il mio spazio ma ero innamorata: non ci provavo con gli altri e non lasciavo che gli altri ci provassero con me, tenevo tutti a distanza -sono diventata bravissima ad allontanare gli altri, forse troppo-, in realtà ero sola.
Davo le mie attenzioni ad un ragazzo che non le ricambiava come volevo ma lo giustificavo e davo di più.

Ero sola quando uscivo con i miei amici e avrei voluto passare il mio tempo con lui,
quando mi andavo a coricare la sera immaginando il suo abbraccio,
quando mi sentivo triste e non gli dicevo che la mia tristezza dipendeva anche dal suo essere distante..
quando gli chiedevo attenzione ma i suoi impegni erano sempre troppi e troppo importanti per dare attenzione ai miei
quando avrei voluto chiamarlo e parlare, ma era troppo stanco per parlare o semplicemente scopava un'altra.

così a poco a poco ho avuto meno, ho chiesto meno, in un circolo vizioso che mi ha lasciato svuotata.


ci si distrugge da soli


Alla fine mi sono innamorata di uno solo perché mi considerava, mi cercava, voleva parlare con me..
sono banale.





Sono stata sola per tanto tempo e la cosa buffa è che finché stavo col mio ex avevo paura di rimanere sola. La sua presenza seppure astratta, il pensiero di lui erano consolanti.
Mi facevano sentire amata, importante per qualcuno, quindi importante anche per me.
Poi un giorno ho capito che avevo paura di qualcosa che già mi possedeva e in quel momento ogni timore è scomparso cedendo il passo alla consapevolezza.

Mi sono scoperta serena
Forte.

solo che a volte -tipo oggi- mi abbarrùo
trad. mi lascio trasportare da sentimenti negativi di disfattismo generale


Fortunatamente c'è lei che ha guardato a fondo dentro se stessa e ha saputo intuire e scrivere quello che io cerco a stendo di comunicare.



There is a solitude of space,
A solitude of sea,
A solitude of death, but these
Society shall be,
Compared with that profounder site,
That polar privacy,
A Soul admitted to Itself:
Finite Infinity.



Perché in confronto ad Emily Dickinson, io sono l'uomo di neanderthal e mando segnali di fumo :)


3 commenti:

  1. Tu non sei superficiale.
    Sei articolata e complessa.

    La tua vita sarà articolata e complessa.

    Per fortuna esistono persone come te!

    RispondiElimina