Seguimi, lettore!
sia recisa la lingua infame al mentitore che ha negato l'esistenza
di un amore autentico, fedele sulla terra!


Segui me , mio lettore, soltanto me, e ti mostrerò un simile amore


. . .


giovedì 25 giugno 2015

Never say Never


In effetti non so molto delle relazioni uomo-donna,
non fingo di saper cogliere i turbamenti e pensieri nascosti tra le infinite pieghe del'animo umano..
Non vi nascondo che posso avvertirli,
anche se non ne parlo e soprattutto se non li uso.
Per cui non vado in giro con l'aria supponente di chi sa tutto della vita
e ha la pretesa di conoscere e saper scrutare l'animo di chi gli è seduto difronte.

Di uomini così invece ce ne sono tanti,

 Parola mia, delle mie amiche, delle zie, cugine, conoscenti, scrittrici, donne di tutto il mondo

e tutti puntualmente diranno qualche gigantesca stronzata che fa perno sulle nostre sempiterne insicurezze o debolezze emotive -perché tanto le hanno tutte le donne e per tutte sono quasi sempre le stesse-. I maschiacci conoscono questi punti deboli e li usano contro di noi; come quando si buttano alla conquista pronunciando frasi sibilline da fattucchiera, che hanno sì valenza universale ma che noi sentiamo nostre, che ci fanno sentire capite ed accolte. Disarmandoci a poco a poco... E Noi ragazze ormai mature, che conosciamo questi subdoli mezzucci -avendoli sperimentati precedentemente con massacro di anima e cuore e immenso spargimento di lacrime- ebbene Noi non ci crediamo più, e non ci facciamo abbindolare mai..



... Mai?

lunedì 22 giugno 2015

Resoconti...

Che spreco l'eccessiva prudenza
che ci impedisce di rischiare e che
 evitandoci un dispiacere ci fa mancare la felicità.


Bene, si avvicina il mio compleanno..
non so voi ma per me è il periodo dei resoconti, il periodo in cui guardo indietro all'anno appena trascorso e faccio i miei bilanci.
Sorvolo con la memoria i giorni che sono passati e soppeso azioni, comportamenti, persone.
Me.

Di sicuro è stato un anno orribile e confuso: amore profondo e totalizzante, sesso, tradimenti feroci, abbandono, litigi, sesso riparatore, ferite, lacrime, dolore, adii, conoscenze, sesso, nuoto, delusioni, nuove scoperte, apnea, senso di infinita inferiorità, sesso, insicurezze, legami ricuciti, sesso, sfanculamenti, funerali troppi, terribili, surreali... 
Sesso.

Alla mia veneranda età, per la prima volta, ho cominciato a dare importanza al sesso e a vederlo come un modo di esprimersi e di interagire con l'altro e con se stessi e non più come sola emanazione dell'amore -applausi prego-.
Mi soffermo a considerare che, nonostante tanta pratica in effetti sono molto inesperta, che conosco molto poco me, il mio corpo e le mie possibilità e che mi relaziono col mondo esattamente nello stesso modo in cui faccio l'amore: freddamente, cinicamente, a distanza di sicurezza.





Vivendo con timore, amando con mitezza e proteggendo con prudenza tutte le mie insicurezze.




sabato 20 giugno 2015

Inquietudine

la sensazione è quella di non riuscire a stare fermi neanche quando si è immobili
non riesco, non voglio stare ferma..

qualcosa da qualche parte urla e scalpita dentro di me
non si vuole frenare, non si vuole zittire e non si può sedare.
Voglio tutto quello che non ho, che non posso avere.

qualcosa da qualche parte dentro crolla in un precipitare senza fine,
una vertigine che scuote le radici più profonde e sicure del mio io.
Dal basso viene fuori un essere che vive in
un posto torbido e profondo.

È una bestia cieca ed affamata da troppo tempo rinchiusa in gabbia,
una prigione invisibile che nasconde quella terribile parte,
una prigione che io ho costruito con le mie più tristi paure.